top of page

Gli inconvenienti del buon orientatore - Parte I

Con oggi ho deciso di inaugurare un ciclo di articoli per condividere alcuni aspetti spiacevoli di questo mestiere...

Senza fini polemici, ci tengo a sottolinearlo, ma per puro dovere di cronaca finalizzato a comunicare che questo mondo fatto di potenzialità, mission, opportunità è molto bello ma non del tutto dorato.

Affinché chi si ritrova a vivere situazioni come quelle che andremo ad affrontare non sia portato a dire: "Ma come, io pensavo di aiutare le persone, di essere utile, solo a me succedono certe cose?".

No cara/o collega, non succedono solo a te e anzi la condivisione può essere utile per un confronto e, perché no? anche per un dibattito!

Oggi parleremo del rispetto del tempo.

Spesso i professionisti che si avvicinano alla consulenza nell'orientamento, o in altre professionisti legate alla crescita personale, lo fanno per creare un network di clienti da seguire "in studio" (oggi molto virtuale).

E se questi ti paccano?

Magari all'ultimo momento?

Persino più volte?

L'imprevisto - lo sappiamo - succede a tutti...sarebbe cosa buona che a fronte di un inconveniente si chiedesse anche scusa, ma sappiamo che anche questo non è scontato...

Che fare?

Spiegare al cliente che per chi è in partita iva il pacco, soprattutto all'ultimo, vuol dire non portarsi a casa la pagnotta?

A volte funziona, molto spesso no...

Io personalmente non mi arrabbio più, all'inizio lo facevo eh...ma non serve!

La domanda che ho cominciato a farmi è: ma io li voglio clienti così?

Io nell'orientamento insegno che i candidati hanno il diritto di chiedere rispetto: per il tempo e per la professionalità, e io non do l'esempio?

Il professionista dell'orientamento deve essere messo nelle condizioni di poter svolgere il proprio lavoro con serenità: questo ravviva la propria Mission, non solo perché si è scelto questo mestiere, ma anche per chi!

Farsi questa domanda e soprattutto darsi la risposta genera automaticamente cambiamento, nell'attirarsi un network che non porti esclusivamente fatturato ma soprattutto un sinergico sistema valoriale ed è dal valore che diamo a noi stessi che nasce il valore aggiunto per gli altri.

18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page