top of page

Diventare l’adulto di cui avevamo bisogno

Come ogni altro percorso della vita, anche diventare adulti e consapevoli è differente per ogni essere umano. Qualcuno addirittura non ci arriva nemmeno, qualcuno non si avvicina a diventare adulto per volontà o ignoranza, nel senso di rimanere ignaro dell’essenza e dell’importanza di questo passaggio esso.


Questo percorso pur essendo differente per ogni individuo, ha un punto in comune in tutti i casi: è un percorso molto lungo e difficile, spesso doloroso. Diventare maturi, adulti delle volte fa davvero male. Tanto è che, fino a pochi anni fa non facevo altro che desiderare di tornare indietro e essere di nuovo quella venticinquenne giovane, fresca ed energica con la testa piena di speranze e certezze. Accetto ben volentieri l’età che in sé include anche la crescita fatta con fatica.


Ho iniziato la mia “adultizzazione” * dal giorno in cui sono riuscita accettare le mancanze, i difetti e gli errori dei miei genitori, quando sono riuscita ad andare oltre i loro errori e amarli per le persone che sono e sono stati.  Questo implica un passaggio necessario per tutti: accettare il proprio pasatto e la propria genealogia, nella piena certezza che è stata ed è la migliore che si potesse ricevere e che mi ha aiutata ad arrivare nel qui ed ora. In Quel momento che sono riuscita a vederli come persone e non come monumenti senza difetto, eroi e cavalieri senza macchia, ho iniziato il mio percorso per diventare adulta, matura; ho cominciato a guardarmi dentro e trovare le ferite dell’anima e lavorare per guarirle, abbracciandole per quelle che sono.


Il mio cammino che non è finito e mi auguro che non finisca mai dato che ritengo che un percorso di crescita personale debba rimanere costante finché uno respira in questa vita, ma il punto di svolta successivo è stato era quando sono riuscita ad acquisire il senso di sicurezza. Questo punto è molto ampio e richiede di essere argomentato separatamente dato che va ben oltre discorso dell’autostima, dal momento che l’autostima è forse solo l’inizio per questa strada. Ma è una consapevolezza dolcemente immensa quando ci si rende conto di essere diventato l’adulto di cui aveva bisogno da piccola/o; ed un traguardo immenso!


Spesso faccio delle visualizzazioni in cui torno indietro nel tempo immaginandomi come ero 5, 10, 15, 20, 25, 30, 35 ... anni fa e abbraccio forte quella creatura indifesa e felicemente ignorante e le prometto che le starò sempre accanto, che sarò unica persona che non la abbandonerà nonostante le sue cadute, i suoi errori, nonostante tutte le volte che qualcuno le mentirà, le farà del male, la abbandonerà e nonostante tutte le volte che lei si sentirà umiliata e sbagliata; l’abbraccio forte e le dirò che ci sarò sempre per lei anche quando rimarrà da sola, quando non ci sarà nessuna spalla su cui piangere o a cui appoggiarsi. Io ci sarò e la proteggerò di tutto e tutti e la amerò e rispetterò, la onorerò nel bene e nel male e in ogni istante di ogni giorno della vita.


Questo è l’amorevole gentilezza che ciascuna parte di noi adulta può regalare incondizionatamente alle nostre parti bambine, ed è il regalo più bello che possiamo scegliere di farci!


*Questa parola in lingua italiana non esiste, si tratta di una parola inventata da Luca Romito per esprimere il concetto di diventare adulti. 

29 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Kommentare


bottom of page