top of page

Komorebi: La luce che filtra tra gli alberi

Ogni lingua ha delle parole intraducibili legate alla cultura del proprio Paese, in grado di esprimere interi concetti, anche complessi, in poche lettere. Komorebi, composta dai caratteri kanji albero (木), filtrare (漏れ) e sole (日), è una di quelle. Si tratta di una parola giapponese il cui significato letterale è “la luce che filtra tra gli alberi”. Evoca un'immagine bella, calda e silenziosa di un ambiente naturale magico, con i raggi del sole che filtrano tra le foglie degli alberi di un bosco. Una sensazione magica. 


Dov’è la magia in questo concetto? La rappresentazione di questo sole che filtra tra gli alberi è una metafora di un momento della nostra esistenza, un momento unico e irripetibile: nessun istante successivo potrà mai essere uguale a quello che viviamo in quel preciso momento per i sentimenti provati, che possono essere dolore, nostalgia, gioia … Alcuni potrebbero collegare questo concetto con un’espressione che molto spesso sentiamo dire: ”La luce alla fine del tunnel”, il Komorebi non ci indica di trovare “solo” la luce alla fine del tunnel, ma di cercarla quando lo stiamo ancora attraversando.


Il fatto stesso che esista una parola specifica per descrivere questo tipo di fenomeno fa intendere che a livello culturale abbia un significato molto più radicato; Komorebi è infatti anche un vero e proprio incoraggiamento a trovare la luce nei momenti più oscuri della vita, come un mantra. Ci ricorda quindi di cercare la positività nelle piccole cose, in ogni situazione che appare cupa e oscura ci sono piccoli punti luminosi che possono rendere l’esperienza positiva, riguarda il trovare quei piccoli raggi di luce e fermarsi per ricaricarsi, prima di proseguire, di rallentare per apprezzare e guardare la bellezza che ci circonda, perché i momenti bui ci sono ed è giusto che ci siano nella nostra vita, ma non devono bloccarci.


È fondamentale prendersi il tempo per osservare ciò che di bello c’è intorno a noi, a volte può risultare difficile, soprattutto con la vita frenetica, ma è fondamentale. Quindi, quando magari ci capita di passeggiare in un viale alberato e siamo sovrappensiero, alziamo lo sguardo al cielo e godiamoci la magia di quel sole che filtra tra gli alberi.

20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page